Home » News » Che cosa non introdurre nello scarico per avere un pozzo nero pulito? 3 consigli

Che cosa non introdurre nello scarico per avere un pozzo nero pulito? 3 consigli

Gli avanzi di cibo

Se si desira evitare di chiamare gli esperti di autospurgo a Roma è meglio fare molta attenzione a che cosa si butta dentro lo scarico del wc nonché dei lavandini di casa. molte persone sono solite buttare gli avanzi di cibo nel gabinetto oppure nel lavandino senza pensare alle conseguenze. Il cibo può solidificarsi dentro ai tubi creando un’ostruzione che impedisce il corretto deflusso delle acque verso il pozzo nero. Inoltre, il cibo che finisce nel pozzo altera il delicato equilibrio batterico che consente una parziale depurazione degli inquinanti.

La carta igienica

Potrebbe sembrare strano a molti ma chi ha un pozzo nero non dovrebbe buttare nel vaso la carata igienica che può creare dei problemi di ostruzione, nonché riempire il pozzo nero più velocemente in modo da dover richiedere al più presto del previsto un intervento di autospurgo a Roma. A questo tipo di problema ci sono due possibili soluzioni; la prima è quella di raccogliere la carta igienica e gettarla in un cestino che deve esser posizionato in ogni bagno. Un’alternativa che a molti risulta più semplice è usare della carta igienica biodegradabile in modo che si dissolva a contato con l’acqua senza creare problemi.

I detersivi e altri prodotti di pulizia

I detersivi e i prodotti che si usano per la pulizia delle superfici vanno tuti a finire nelle tubature di scarico, andando a finire dentro il pozzo nero. Durante il loro precorso nelle tubature, le schiume di questi detergenti possono solidificarsi e creare delle ostruzioni oltre anche ad altri imprevisti. Una soluzione molto comoda che si può adottare in ogni molti è preferire l’uso di detersivi e prodotti di pulizia biologici che perciò non producono problemi all’interno del pozzo nero. Oggi i prodotti bio sono efficaci come quelli normali senza contenere prodotti chimici che possono avere degli effetti negativi sulla flora batterica presente nel pozzo nero, la quale consente una parziale depurazione delle acque di scarico.