Home » News » Sintomi e rimedi per la faringite acuta

Sintomi e rimedi per la faringite acuta

La faringite acuta è un tipico malanno di stagione, caratterizzato da gola infiammata, tosse e difficoltà a deglutire, può associarsi a raffreddore e influenza, o evolversi con la comparsa di placche sulle tonsille e irritazione delle prime vie respiratorie. La faringite acuta può essere di origine batterica o virale, la distinzione è piuttosto difficile talvolta anche per un medico, poiché i sintomi sono identici e, se la malattia non viene trattata adeguatamente, il decorso può anche assumere le caratteristiche di un’infezione cronica.

Di per sé, la faringite acuta non è una patologia preoccupante, anche se può essere molto fastidiosa. Nella fase iniziale comporta i sintomi tipici, come bruciore di gola, raffreddore e tosse, successivamente può però svilupparsi verso altre forme più debilitanti, con la presenza di febbre, mal di testa, dolori muscolari, infiammazione dei linfonodi, talvolta persino ingrossamento del fegato e della milza e mononucleosi, anche se si tratta di casi meno frequenti. La malattia si diffonde soprattutto in inverno e in primavera, talvolta, nel periodo estivo, può essere causata agli sbalzi termici dovuti all’aria condizionata. Se non si verificano complicazioni, la faringite acuta ha una durata dai due ai cinque / sei giorni e non oltre: è proprio il decorso breve a differenziarla dalla faringite cronica, che può persistere anche per parecchie settimane.

Per evitare questo tipo di complicazioni, è consigliabile, durante la fase acuta della malattia, rivolgersi al proprio medico di base, che se necessario, proporrà la terapia più adatta per evitare il cronicizzarsi della faringite o l’insorgere di altri disturbi. Tuttavia, se non si verificano complicazioni, la faringite non necessita di cure particolari, oltre a farmaci antinfiammatori e paracetamolo per la febbre e i dolori. Sarà il medico, in base alla diagnosi, a stabilire se può essere utile ricorrere ad un antibiotico o ad un altro tipo di trattamento specifico.

Nella maggior parte dei casi la faringite acuta si risolve spontaneamente e non lascia alcuna traccia, osservando semplicemente qualche giorno di riposo. In caso di necessità, il medico potrebbe proporre anche una visita specialistica da un otorino laringoiatra, che provvederà a prescrivere le analisi per individuare la presenza di batteri o virus, e procedere con una terapia mirata.